Il magazine televisivo:

 

 

"FEMMINOTE DI BAGNARA"
di Farida Criseo, Alejandro Morin, Mario Idone

 

video

audio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indietro

NOTE:
Per vedere o ascoltare il File controllate il tipo di Software necessario per la riproduzione.
(consigliato modem 56 k. o superiore)

Se non possiedi Real Player
Clicca qui per scaricarlo

 

audio in Real Player
La sua voce s'alzava da lý e in medesimo tempo pareva che le figure femminote s'alzassero anch'esse nelle sue parole, mano a mano che le maniava; le gambe lunghe, il petto lattoso, il busto sfilato, potente, il personale teso come un fuso: era come le impastasse e statuasse nella stessa rena umida delle piedate che il sole istantaneo cuoceva quasi fosse argilla..... La sua voce(...) s'insolentiva come quella di un predicatore che decantasse una divinitÓ di cosa..."
Tratto da "Horcynus Orca" di Stefano D'Arrigo.
Le bagnarote evocano, da sempre, nell'immaginario calabrese visioni di forza e libertÓ. Altere, fiere, un p˛ magiche, streghe quanto basta, sono l'emblema della donna calabrese che non si arrende. Sotto il peso delle ceste le bagnarote mantengono intatta la forza dei sogni e della femminilitÓ come valore. Portatrici, non solo metafisiche, di ideali di solidarietÓ e laborositÓ hanno collaborato, per secoli, all'economia di Bagnara Calabra come e pi¨ degli uomini. Una manciata di ricordi per avere presente che il femminismo, in fondo, ha beneficiato del contributo delle donne dello stretto. Senza retorica ma con tanto pathos.
video in Real Player
video in Real Player
video in Real Player
scrivici